LA CULTURA DEL VACCINO

11 gennaio 2018

“Un influenzato costa allo stato 500 euro al giorno, un ricoverato per influenza 1.500. Sì, perché l’influenza fa male e a volte uccide. L’influenza costa ai datori di lavoro e alle famiglie. L’influenza costa alla produttività del paese, senza contare i costi della cura e quelli di gestione del picco di ammalati” afferma Ilaria Capua. “In più, le forme complicate di influenza devono essere trattate con antibiotici che, oltre a essere costosi, dovrebbero essere usati il meno possibile per ridurre il fenomeno galoppante della resistenza batterica”.
È necessario non solo un cambiamento culturale sull’uso dei vaccini, ma anche “l’assunzione di responsabilità, soprattutto da parte degli astensionisti. C’è chi non si vaccina perché è contrario alle vaccinazioni, ma c’è anche chi non si vaccina senza una motivazione a sostegno. Così: non mi vaccino e basta. Però ognuno di noi, nel suo piccolo, può contribuire alla salute del nostro servizio sanitario nazionale attraverso un gesto di responsabilità volto – se non altro – a ridurre gli sprechi”.

da Il Foglio 10.01.2018
Ilaria Capua

Archivio news

7 febbraio 2018

MARKETING IN FARM...

In un’ottica di m...

20 gennaio 2018

GUARDO LO SMARTWA...

Sensori, intellig...

11 gennaio 2018

LA CULTURA DEL VA...

“Un influenzato c...

29 dicembre 2017

Buon Anno! Ditelo...

 Che cos’ha il Ca...

18 dicembre 2017

W la mamma anticarie

CURARE I DENTI e ...

4 dicembre 2017

Mal di denti in v...

VACANZE DI NATALE...

21 novembre 2017

I falsi miti sull...

Sono tre i compor...

31 ottobre 2017

Non basta lo spaz...

Se per mantenere ...

10 ottobre 2017

Perché i denti de...

I denti non ricre...

29 settembre 2017

Non tutti gli zuc...

Da sempre gli zuc...